La percezione del tempo

Alberto Di Raco attraversa generazioni. La sua poetica, già storicizzata, abbraccia un periodo storico che dal Novecento arriva all’attuale visione puntiforme di una poesia che si dà a scatti, talvolta in modo veloce, forse inefficace, in un panorama culturale in cerca di nuovi padri che ancora latitano o mancano. Ebbene, Di Raco è per sempre, come un vino buono, un riferimento certo, da un artigiano che fa poesia. Vera.

È un libro sul noi La percezione del tempo: un noi che idealmente proietta se stesso nella finzione poetica di un Io latente che parla, il poeta, e che si pone a soggetto di una dimensione relativa, quella quotidianità di un reale che sfugge e si frantuma in un non-tempo, così universale e frammentario da rappresentare una stanza a specchi multipli dove ogni esperienza personale viene moltiplicata all’infinito, diventa così eco, archetipo.

Dalla prefazione di Ivan Fedeli


LA STANCHEZZA DI ULISSE
Stanotte una voce mi ha parlato
lievemente sulla spalla si è posata
m’ha detto altro viaggio da iniziare
altri mondi altri universi da vedere
sto su questi sassi e guardo il mare
non sento suoni e non odio nemici,
le maghe e i giganti e le sirene
e perfino le giovani fanciulle
erano solo in me, mai sono nati
erano un sogno e non l’ho mai capito.

Sto su questi sassi e guardo il mare
le stelle e i pianeti in cielo son vicini
ma il mare è silenzioso e non si muove
io non mi muovo e invece devo andare
tutti son morti dietro alle mie spalle
mi chiedo cosa ancora devo fare
passano sui mici occhi lampi neri
muore l’umanità e un’altra aspetta
pronta a rifare errori e grandi cose
prima che sotto il sole venga notte.

Nella notte vedo carri di corpi morti
non sono più Ulisse e non ancora Tiresia
il mio corpo guerriero è ormai umiliato
il mio spirito acuto è ormai deriso
il mare è minaccioso e non si muove
il mare è silenzioso e forse muore.

PERCEZIONE DEL TEMPO
Lentamente la Terra ruota
verso la notte
lenta si volge la mia vita
verso la morte.

Fra miliardi di anni l’universo
come una grande mano
si chiuderà in un pugno.

Spariranno le luci spariranno
il Tempo e il ricordo di un Dio.

La prima Grande Era sarà finita
e la rondine non rivedrà il mio tetto.

Categoria:

Informazioni aggiuntive

Titolo

La percezione del tempo

autore

Alberto Di Raco

Categoria

Poesia

casa-editrice

puntoacapo

anno-di-pubblicazione

2024